TARTUFI: chi cerca trova!

Accompagnati da un tartufaio e guidati da Peppa e Pimpa, due simpatici lagotti romagnoli, passeremo alcune ore alla scoperta del mondo dei tartufi, immersi nella natura. Ripercorreremo la loro storia fin dalle antichità, capiremo come questo fungo si forma, quali sono le piante simbionti e come apprezzarlo culinariamente.

 

 

Apericena: pic-nic con vista

Una location privata ed esclusiva, il sole al tramonto, il lago, un bicchiere di vino e del buon cibo? Pensiamo a tutto noi…

Tu devi solo portare una coperta e la giusta compagnia!

La location da capogiro è il famoso (si, ne parlano tutti) Bögn di Riva di Solto, sul Lago d’Iseo.

Una tenuta privata con ampi spazi, tra panorami e ulivi e un vicino accesso al lago e alla famosa strada da fotografia.

 

 

 

 

dal LAGO al PIATTO

Con la guida di un esperto visiteremo il laboratorio di Agroittica Clarabella e scopriremo le tecniche di lavorazione con cui il pesce di lago e di fiume viene trasformato in prodotti marinati, affumicati a caldo e a freddo, essiccati e conserve.

Al termine della visita, nella pace dei vicini vigneti dell’azienda agricola Clarabella, viene proposta una degustazione delle specialità dell’agroittica in abbinamento ad un calice biologico Franciacorta Clarabella.

Clarabella è tra le primissime cantine in Franciacorta a coltivare in biologico e rappresenta un modello di agricoltura sociale unico in Franciacorta, portato come esempio in tutta Italia.

 

 

 

LICHENE

Cosa sono i licheni? Quale è il loro habitat? Quali sono le tipologie commestibili? Come si colgono? Come si adoperano in cucina? Quali sono le loro caratteristiche organolettiche e le loro proprietà nutritive? Sono un nuovo ingrediente della cucina di ricerca contemporanea o una rivisitazione di tradizioni antiche?

Ne parleremo con Natale, esperto conoscitore della Valle di Lozio e del suo ecosistema e con sua figlia Greta, chef del ristorante Al Resù, conosciuto su tutto il territorio per la sua cucina a base di licheni.

A seguire, degustazione.

 

PANORAMA NEL PIATTO

Camminare all’aria aperta fa bene al corpo e alla mente e quando si arriva alla meta e un panorama mozzafiato ci accoglie, tutte le fatiche vengono ripagate.

Ma camminare mette anche un gran appetito, e se all’arrivo oltre al panorama troviamo anche un pranzo a base di prodotti tipici e del buon vino, non resta che stendere il nostro plaid sull’erba e goderci tutto questo!

 

 

Erbe spontanee

Passeggiando con un esperto ci renderemo conto di quanta varietà e disponibilità ci sia di queste erbe spontanee che possono diventare preziosi ingredienti in cucina , ma non solo, possono essere trasformate in rimedi naturali per la cura e il benessere.

Le erbe officinali, regine in natura, sono le erbe con proprietà curative impiegate da secoli per il benessere dell’uomo. Scopriremo insieme quali sono le erbe alimurgiche, quali le officinali e quando un’erba può essere impiegata in entrambi i modi, in base al momento della sua raccolta. Realizzeremo insieme un erbario e appunteremo nozioni di base che vi accompagneranno nelle vostre future passeggite di raccolta.

Mani in Pasta

In attesa di programmazione date

 

Con la guida di una mastra pastaia abilitata, impareremo, mani in pasta,  le tecniche e i trucchi per preparare un ottimo impasto per tagliatelle, casoncelli ..insomma i primi piatti della tradizione italiana e bergamasca

Dal lago al piatto

Visita al laboratorio di trasformazione del pesce di lago

Con la guida di un esperto visiteremo un laboratorio di Agroittica e scopriremo le tecniche di lavorazione con cui il pesce di lago e di fiume viene trasformato in prodotti marinati, affumicati a caldo e a freddo, essiccati e conserve.

Al termine della visita, nella pace dei vicini vigneti di un ‘azienda agricola , viene proposta una degustazione delle specialità dell’agroittica in abbinamento ad un calice biologico Franciacorta .

L’azienda è tra le primissime cantine in Franciacorta a coltivare in biologico e rappresenta un modello di agricoltura sociale unico in Franciacorta, portato come esempio in tutta Italia.

Monte Isola: pesce di lago

In attesa di programmazione date

 

La pesca della sardina di lago raggiunge il culmine da novembre a marzo. Una volta pescato il pesce viene lavato in acqua corrente e lasciato almeno 48 ore sotto sale; in seguito vengono poste a essiccare, nel periodo da dicembre a marzo, al sole e all’aria del lago per circa trenta o quaranta giorni.

La sardina si conserva così fino a 2 anni, con un ricambio dell’olio dopo 9 – 10 mesi e per questo in passato era considerata il “piatto dei poveri“ in un’epoca in cui non esisteva ancora il frigorifero.

La sardina di Monte Isola è presidio Slow Food, riconoscimento che viene conferito dall’associazione gastronomica nazionale che tutela i cibi in via d’estinzione.

Castagne che passione !

Un pomeriggio trascorso in un castagneto, godendo i colori e l’aria pulita dei boschi d’autunno raccogliendo castagne, ha un sapore antico e tradizionale.

Se poi, oltre alla raccolta, i bimbi si divertono con un laboratorio a tema, si imparano curiosità e si cucinano insieme le caldarroste vista valle, il pomeriggio sarà un’esperienza da ricordare