PARCO dei LAGHI FOSSILI – ed. family

l Parco dei Laghi Fossili, nella zona di Sellere-Pianico in Val Borlezza, letteralmente all’interno di un lago di 800 mila anni fa, permette la ricostruzione della storia della vegetazione e del clima di un interglaciale alpino attraverso foglie e polline fossili e sedimenti che hanno formato un lungo archivio di strati: ben 45 mila anni di storia che riguardano piante e animali delle Alpi all’inizio delle glaciazioni, il ghiacciaio dell’Oglio e il clima dell’intero pianeta documentando uno dei “calendari” di pietra più lunghi al mondo.

Con una guida i bambini , accompagnati da adulti, scopriranno e impareranno giocando.

Patrocinato da :

Comune e Biblioteca Sovere.

PAD – Percorsi Archeologici Diffusi Sebino, Val Cavallina e Val Seriana.

Museo Civico di Scienze Naturali Alessio Amighetti – Lovere

 

APPROFONDIMENTO:

Il Parco dei Laghi Fossili è riconosciuto a livello internazionale come uno dei siti più importanti per la ricostruzione della storia dell’ambiente e del clima nelle Alpi e narra la natura di ottocentomila anni fa per un periodo di cinquantamila anni.

Tra circa 800 e 755 mila anni fa, in questo luogo, si formò un profondo lago che ebbe lunga vita. Il lago era stretto e profondo e ora, nei suoi depositi, si trovano molti fossili di foglie, legni, frutti, polline degli alberi che crescevano nelle foreste intorno; già primi studiosi nel 1850 disegnarono le foglie fossili e da allora le ricerche non si sono mai interrotte.

I sedimenti deposti sul fondo di questo lago hanno anche formato un lungo archivio di strati: ben 45 mila anni di storia che riguardano piante e animali delle Alpi all’inizio delle glaciazioni, il ghiacciaio dell’Oglio e il clima dell’intero Pianeta.

Ora i sedimenti che si osservano sono visibili in sottilissime coppie di strati neri (stagione fredda) e bianchi (stagione calda) alternati che si ripetono senza interruzione per uno spessore di oltre 10 metri: un vero e proprio libro della natura che, nella porzione oggi visibile, mostra 20.800 sottilissimi strati (varve) documentando uno dei “calendari” di pietra più lunghi al mondo.

Nel 2000 fu scoperto, nei sedimenti lacustri sulla scarpata destra del Torrente Borlezza , l’intero scheletro di un esemplare appartenente alla prima specie di cervo moderno che apparve in Europa, il “cervo acoronato”, ora in mostra al Museo di Scienze Naturali di Bergamo che ne organizzò allora lo scavo di recupero.

Wild Family

L’ avventura inizia con una passeggiata nel bosco che ci condurrà al nostro punto base dove, in compagnia di una guida esperta, ci divertiremo imparando nozioni di sopravvivenza in natura come la costruzione di un riparo, l’ accensione del fuoco, la lettura dell’ambiente e il senso dell’orientamento, scopriremo come si potabilizza l’acqua e come nutrirsi con il  foraging…

ma non ci faremo mancare dei marshmallow arrostiti!

Mucche e Formaggio

Passeggiata tra pascoli e stalle e laboratorio del formaggio.

In compagnia di un esperto di antichi sistemi tradizionali Alpini, scopriremo la vita nelle stalle e conosceremo le mucche, per poi giungere alla location che ospiterà il laboratorio del formaggio: la dimostrazione della lavorazione del formaggio, dall’accensione del fuoco sotto il paiolo di rame fino alla cagliata e l’ottenimento del prodotto finale.

L’ esperienza prevede anche un laboratorio didattico creativo a tema.

 

 

Accessori di Natale

Compito delle famiglie, accompagnate dall’elfo Birichino, sarà scoprire nel bosco dove gli elfi hanno nascosto il materiale necessario per confezionare l’accessorio di Natale perfetto .

In seguito, in un locale riscaldato adiacente al bosco, i bimbi, con la guida dell’elfo Vinavil e l’aiuto degli accompagnatori adulti, confezioneranno accessori da sfoggiare con orgoglio nei giorni di festa.

 

I BISCOTTI di NATALE

Compito delle famiglie, accompagnate da un elfo Birichino, sarà scoprire nel bosco dove gli elfi hanno nascosto la ricetta segreta e gli ingredienti necessari per impastare, cuocere e decorare gustosi biscotti.

In seguito, in un locale riscaldato adiacente al bosco, i bimbi si cimenteranno, con la guida dell’elfo Zuccherino, nella preparazione di biscotti da appendere all’albero di Natale o sgranocchiare in famiglia nei giorni di festa.

L’esperienza con gli elfi si svolgerà nel pomeriggio, ma perché non cogliere l’occasione per trascorrere la giornata in famiglia sull’altopiano tra splendidi paesaggi e passeggiate adatte ai bimbi.
Per pranzo puoi scegliere uno dei vicini ristoranti oppure pranzare al sacco presso la nostra location riscaldata.

 

 

 

Decorazioni di Natale

Compito delle famiglie, accompagnate dall’elfo Birichino, sarà scoprire nel bosco dove gli elfi hanno nascosto il materiale necessario per costruire gli oggetti per rendere la casa natalosa.

In seguito, in un locale riscaldato adiacente al bosco, i bimbi , con la guida dell’elfo Vinavil e l’aiuto degli accompagnatori adulti, costruiranno gli oggetti per decorare la casa nei giorni di festa.

La CASA MUSEO degli INSETTI

In una dimora antica del centro storico, scopriremo laboratori attrezzati, teche con diverse tipologie d’insetti e la “Camera delle Farfalle”.

Dopo la visita, ci tratterremo in compagnia dell’esperto per un piccolo laboratorio scientifico, un laboratorio creativo a tema e una partita all’Ento-tombola.

Scopri gli insetti anche presso il Museo Civico di di Scienze Naturali – Alessio Amighetti- Lovere (Bg)

Halloween: un bosco da paura

Caccia al dito nel bosco, sfide tra famiglie e laboratorio a tema in compagnia della strega della montagna e della mummia del lago e paurosissime fotografie ricordo.

Nel pomeriggio più pauroso dell’anno, partecipa con i bimbi ad una mostruosa caccia al dito nel bosco, a giochi con squadre family e a un laboratorio a tema per bimbi , pozioni fumanti scalderanno il pomeriggio.

Travestimenti : da da pauuuuura tenendo però presente che l’attività si svolge all’aperto in montagna a 1000m s.l.m., quindi possibile non essere travestiti o scegliere di avere solo il viso truccato.

 

LE PATATE: in campo con i bimbi

Esperienza in campo per scoprire come si seminano e coltivano le patate, alimento dalle origini antiche ma oggi sulle tavole di tutto il mondo.

Zappetta alla mano, le famiglie con i loro bimbi potranno scavare alla ricerca del prelibato tubero e portare poi a casa  il prezioso raccolto, per un vero km0 dal campo al consumatore.

A seguire pic nic  in autonomia presso il portico di un grande fienile fra prati e boschi e laboratorio a tema per i bimbi

 

Minerali, accattivanti e trasformisti

Una serata al parco, a cura della geologa Tiziana Carrara, per imparare tante cose sul mondo affascinante dei minerali, comprendere la loro origine, le loro caratteristiche e le principali proprietà.

Un laboratorio a tema permetterà di comprendere, divertendosi, alcuni aspetti caratteristici dei minerali.

Prossimo appuntamento : 1 settembre ,  il mondo degli insetti.